Organizzare il viaggio

Sharing economy per un viaggio low cost

sharing economy

E’ la nuova moda del momento.
Tutti ne parlano. Di cosa si tratta?

La sharing economy è un sistema economico nuovo, alternativo, basato sulla condivisione di beni fisici, spazi, competenze e sulla fiducia tra persone.

A fare da tramite ci sono numerosi siti e applicazioni online dove le distanze si accorciano e ognuno ha una propria identità digitale. Possiamo sfruttare la sharing economy non solo per risparmiare nella vita di tutti i giorni, ma anche per mantenere un budget ridotto in viaggio. Vediamo come possiamo farlo:

Trasporti

sharing economy

Car2Go

Registrandosi al sito e scaricando l’applicazione, permette di noleggiare nelle maggiori città italiane ed europee una Smart per arrivare dove vuoi. E’ possibile noleggiare una delle Car2Go che si trovano in giro per strada, o prenotando 30 minuti prima della partenza. Il parcheggio nelle strisce blu è gratuito, e il carburante pure!

E’ come avere una macchina condivisa, che usi solo quando ne hai bisogno e paghi giornalmente o al minuto (0,29 cent).

BlaBlaCar

E’ una community per viaggi in auto condivisi. Se hai una macchina e hai dei posti liberi puoi offrire un passaggio agli utenti dividendo il costo della benzina. Se invece cerchi un passaggio puoi contattare uno dei conducenti che sono diretti verso la tua stessa destinazione e risparmiare sul tuo viaggio.

GoGoBus

Dopo il car sharing, arriva il bus sharing. GoGoBus permette di viaggiare in autobus in tutta Italia spendendo meno. Esistono corse programmate che coprono lunghe distanze e corse per eventi speciali. E’ anche possibile proporre una corsa. Se questa raggiunge almeno 30 partecipanti allora è confermata. Man mano che i partecipanti aumentano il prezzo scende!

Leggi anche > Bike sharing a Roma (quasi) gratuito

Alloggio

sharing economy

Nightswapping

Offrendo un posto letto agli utenti del sito guadagni notti per viaggiare gratis a tua volta come ospite presso la casa di un altro membro della community. Night swapping significa infatti “scambio di notti”.

Airbnb

E’ un sito dove puoi affittare (o prenotare) una proprietà o una camera agli utenti che cercano delle sistemazioni diverse rispetto al solito hotel. Ci sono case vacanze, appartamenti, o sistemazioni uniche come un vero faro! faro. Hai capito bene! Il pagamento avviene attraverso la piattaforma, e prima di prenotare si può contattare l’host e porgli qualsiasi domanda per avere maggiore sicurezza. I prezzi  sono per tutte le tasche!

Couchsurfing

A differenza di alcuni siti, è completamente gratuito e non richiede alcuna quota di iscrizione. Qui approfondisco l’argomento.

Home Link

E’ un sito per lo scambio casa. Tu metti a disposizione degli utenti del sito la tua dimora in Italia e gli altri in cambio mettono a disposizione la loro casa in un altro paese. Lo scopo è quello di farti sentire a casa anche all’estero. In più se hai degli animali non dovrai preoccuparti di lasciarli a qualcuno, saranno gli ospiti (chiamati homelinkers) ad occuparsi di loro, e viceversa.

Vi segnalo il post sullo scambio casa di Turisti Per Sbaglio, esperti in questo settore 😉

Guest To Guest

Su questa piattaforma di scambio casa puoi fare scambi reciproci e non. Puoi scambiare la tua casa nello stesso periodo con l’utente che mette a disposizione la sua, oppure puoi anche scegliere di farti ospitare senza offrire a tua volta la tua casa. Completando il profilo ricevi dei GuestPoints che puoi utilizzare per essere ospitato, a sua volta chi ti ospita riceve GuestPoints che potrà utilizzare nel suo prossimo viaggio. Facile no?

Attività

sharing economy

Volo prenotato. Hotel prenotato. Mille ricerche sul web  prima della partenza per scovare i posti più belli da vedere. Ti riconosci? Anche faccio lo stesso, ma da poco ho scoperto come non perdermi nulla quando arrivo in una nuova città.

Grazie a piattaforme come Guide me right è possibile conoscere persone del posto che si offrono di condividere le proprie conoscenze con i viaggiatori. Per scoprire tutte le attività proposte basta cercare sul sito la città che ti interessa e prenotare (e pagare) la visita online.

Siti simili sono anche Native CiceroneTrip4realVayable.

Cibo locale

Nel post ‘social eating ho raccolto i migliori siti dove poter prenotare una cena speciale: una cena insieme agli abitanti del posto per gustare i loro piatti tradizionali.

Cosa ne pensi della sharing economy?

11 Comments

  • Io mi sono trovata bene sia con BlaBlaCar che con Airbnb!!
    Con BlaBlaCar risparmi moltissimo anche se il lato negativo è che non puoi farne una regola, perché non sempre trovi i tragitti che ti interessano nei giorni e negli orari che ti servono.
    Con Airbnb invece tutto va di lusso… ma risparmi già meno… O meglio, in media risparmi poco per una notte o due, mentre conviene parecchio sulle lunghe permanenze. Io ho passato tutta la mia trasferta in Germania in appartamenti Airbnb! Quindi senza bisogno di portarmi dietro lenzuola, asciugamani, pentole… e pagando meno che per un normale affitto.
    In definitiva dipende dai casi: laddove è possibile, questi servizi è bene sfruttarli! E vedo che ne nascono di nuovi ogni giorno…

    • Non ho mai fatto viaggi più lunghi di una settimana ma nel caso in cui succedesse vorrei dormire in una casa dove ho una cucina per preparare il pranzo o la cena. Dopo un pò do di matto a mangiare sempre fuori!! Si ce ne sono tantissime di piattaforme, anche se alcune molto simili.

    • Sì, sì, ovviamente avevo la cucina in tutti gli appartamenti. (Camera con uso bagno, cucina e spazi comuni). Con il vantaggio appunto che potevo prendere in prestito che so, il pepe, lo stendibiancheria o un paio di forbici senza dover comperarmi o portarmi dietro tutto 😉

  • Io non ne ho utilizzati, ma per il prossimo viaggio sto cercando un appartamento su Airbnb così non sono costretta a mangiare tutte le sere al ristorante e risparmio un pochino. Mi piace l’attività di guida turistica della propria città, magari ci faccio un pensierino

    • Si, potresti far scoprire la tua città a dei nuovi viaggiatori. L’idea è bella anche se ultimamente ha tirato su delle polemiche perchè le guide turistiche con patentino si sono sentite attaccate.

  • Ti avevo scritto un commento ma non so se è arrivato! Comunque.. Non sapevo nè di Car2Go nè di Gnammo, sembrano carine, hai esperienza a riguardo?? Circa i bus, dai un’occhiata a Flixbus, fanno tante rotte anche estere e a basso prezzo, c’è pure l’app! Invece riguardo il dormire, io saró sempre favorevole alla comoda stanza privata in un b&b o un hotel, cercando le soluzioni più economiche (ma neanche troppo…meglio risparmiare nella vita di tutti i giorni piuttosto che in viaggio ogni tanto).

    • Car2Go a Roma è usato tantissimo. Vedo sfrecciare in giro per la strada tante di queste Smart. Stranamente non ho mai provato una di queste piattaforme ad eccezione di Couchsurfing che in realtà è una delle prime! Non l’ho utilizzato per dormire bensì per mostrare a due viaggiatori qualche angolo della città. Se non vuoi ospitare puoi sempre conoscere qualcuno 😉 Poi ogni utente ha una schede tipo ‘TripAdvisor’ con tutte le recensioni!

Dimmi cosa ne pensi!