Aeroporti nel mondo: Mumbai

mumbai

L’aeroporto è il primo luogo in cui mettiamo piede quando arriviamo in uno nuovo paese, nonché il posto più frequentato dai viaggiatori cronici.

[bctt tweet=”Nel mondo ci sono aeroporti davvero straordinari.”]

Alcuni hanno bisogno di essere conosciuti per le loro particolarità per questo oggi voliamo in India.

C. Shivaji International Airport di Mumbai

Recentemente ha subito lavori di ammodernamento, che hanno portato alla realizzazione del nuovo terminal 2.

Il terminal 2, inaugurato solo un anno fa, è il frutto di una grande opera di ingegneria che ha contribuito a cambiare il volto del paese, potenza economica internazionale.

 Costruito su quattro piani, è caratterizzato da un’architettura che rimanda ai motivi tradizionali indiani e all’animale simbolo dell’India, il pavone (vedi le celle cave del soffito). Oltre a questo, design di lusso, ampie vetrate con prestazioni termiche, la presenza di luce naturale garantita da aperture comunicanti tra i livelli, per ridurre i consumi, e zone verdi.

La pianta del terminal 2 è a forma di X, come nella foto:

mumbai

E il suo interno ospita il museo più grande della nazione, Jaya He (gloria a te), sviluppato lungo un muro di 3 km (su tutti e quattroi piani) e composto da 7 mila opere d’arte, antiche e moderne che raccontano la storia dell’India.

Per 40 milioni di passeggeri l’anno, l’attesa sarà sicuramente un piacere.

E tu, sei mai atterrato in un aeroporto che ti ha colpito particolarmente?

mumbai

0

Spirito indipendente. Espatriata a Londra ma con il cuore a Roma. Viaggio in compagnia o da sola, non mi ferma nessuno. Sogno una vita vista mare.

5 Comments

  • inworldshoeslucreziastefano

    Gennaio 4, 2016 at 10:13 am

    Fantastico! altro che aeroporto di Roma Ciampino. :’D
    Addirittura un museo con 7 mila opere al suo interno,come iniziare a scoprire la città senza ancora aver messo piede fuori dall’aeroporto!
    Comunque devo dire che noi quando arriviamo da qualche parte siamo talmente impegnati a sbrigarci ad uscire e iniziare a visitare la città che neanche ci guardiamo intorno e se lo facciamo è solo per cercare i cartelli d’uscita!
    Posso dirti però che se ce n’è uno veramente triste è quello di Marsiglia..e lo so perché abbiamo trascorso 6 ore del nostro tempo ad attendere un volo easyjet in ritardo. Il terminal dove stavamo noi era un buco, con un negozio e un bar. Abbiamo rischiato di uscire di testa!

    Rispondi
  • Eliana

    Gennaio 5, 2016 at 9:35 am

    Wow, veramente bello. Anche io, come Lucrezia e Stefano, ammetto che non presto mai attenzione agli aeroporti, mi sembrano sempre tutti uguali e di solito o sono stanca o non vedo l’ora di uscire!
    Sono certa che se mi fossi trovata in questo aeroporto, qualcosa l’avrei notata 😉
    A presto!

    Rispondi

Dimmi cosa ne pensi!