DanimarcaViaggi in Europa

Copenaghen: come (soprav)vivere 5 giorni

copenaghen 5 giorni

“Ma Copenaghen è cara!” questo è il commento della maggior parte delle persone a cui dicevo quale fosse la mia prossima destinazione. Eppure io non volevo crederci, nonostante avessi letto numerosi blog dove tutti affermavano la stessa cosa.

Possibile che sia davvero così costosa? mi chiedevo.

Poi arrivata in aeroporto me ne sono resa conto. Mi è stata sbattuta in faccia la realtà al suon di “Sono 10 euro” – in inglese e con il loro cambio – quando ho pagato la mia colazione cioè un cappuccino grande ed un dolcetto.

Questo è stato il primo insegnamento: mai fare colazione all’ aeroporto di Copenaghen.

Come (soprav)vivere a Copenaghen 5 giorni

Copenaghen non è una capitale molto grande, si gira facilmente in 3 giorni ma essendo anche una città in cui ci sono molte cose da fare e vedere, la scelta dei 5 giorni è stata azzeccata e la consiglio a chi ha voglia di viversi con tranquillità il viaggio. Certo è che stando fuori per un periodo più lungo di un fine settimana è facile sforare il budget – sopratutto se si è giovani e squattrinati – per questo prima della partenza e durante la vista è meglio organizzarsi bene.

I miei 4 consigli per vivere e sopravvivere a Copenaghen:

Dormire in un appartamento

copenaghen 5 giorni

Dormire in un appartamento conviene. Una notte in hotel può arrivare a costare quasi 100 euro mentre su Airbnb si possono trovare camere in affitto anche a 30/50 euro a notte, a seconda della distanza dal centro. In più, avendo la cucina a disposizione ci si può cucinare da soli senza dover per forza andare al ristorante o ad un qualsiasi fast-food.

Io ho alloggiato in un appartamento condiviso nel quartiere di Nørrebro, a circa 20 minuti dal centro. Quali sono stati i pro? Sicuramente il fatto di vivere in un quartiere multiculturale pieno di vita, dove non ci si confonde tra la massa dei turisti. I contro sono i soliti di quando si condividono gli spazi con qualcuno, in questo caso un coinquilino poco attento all’ordine (per non dire altro) del bagno. Ehhhh in questi casi bisogna arrangiarsi!

Acquistare la Copenaghen Card

copenaghen 5 giorniGiro in battello (compreso con Cph Card)

La Copenaghen card è il passepartout della città. Ha una durata (a scelta) di 1,2, 3 o 5 giorni durante i quali potrai prendere autobus, metro e treni senza limiti oltre ad avere l’accesso gratuito a numerosi musei ed attrazioni. Si può acquistare sia online sia in loco, all’aeroporto o negli uffici turistici in centro.

Il prezzo va dai 51 ai 113 euro e sul sito ufficiale puoi fare un conto di quanto puoi risparmiare se la acquisti, selezionando le attrazioni che sai già di voler vedere.

Per esperienza personale posso dire che la Card della durata di 5 giorni, nonostante la botta del prezzo, sia stata molto utile. Ho avuto l’opportunità di visitare attrazioni che, se non fossero state comprese nella carta, mai avrei visto, oltre al fatto che non ho dovuto farmi i conti ogni giorno su quanti mezzi prendere (sempre per risparmiare) perché tanto avevo le corse illimitate. Tieni conto che un viaggio singolo in metro costa 3 euro!

Pedalare!

copenaghen 5 giorni

Se ti piace andare in bici, Copenaghen è la città migliore per farlo. Basta passeggiare per la città per rendersene conto: le piste ciclabili attraversano tutta la capitale, in alcuni punti hanno due corsie per ogni verso ed appositi semafori, e vicino ad ogni stazione c’è sempre un parcheggio per le bici.

I danesi amano sfrecciare (nel vero senso della parola) per le vie della città e molti lo fanno con le cargo bike, le bici dotate di un “carrello” nella parte anteriore con cui trasportano cose e persone. Molti genitori usano queste bici per spostarsi con i figli che siedono comodamente là dentro, osservando il paesaggio esterno.

A Copenaghen è impossibile resistere al richiamo della bici! Si viene proprio invogliati ad affittarne una e girare senza pensieri, con il vento tra i capelli, tra le sue strade, assaporando quel senso di libertà che si prova in una delle città più green d’Europa.

Arrivare con largo anticipo in aeroporto

Che cavolo di consiglio è questo? Un consiglio dato da una che per due minuti, dico DUE, stava perdendo l’aereo (ed un polmone per strada).

Di solito arrivo in aeroporto due ore prima della partenza e così è stato anche per il volo di ritorno da Copenaghen. Peccato che arrivata all’aeroporto, la fila per i controlli di sicurezza non prometteva bene: partiva dal primo piano, continuava sulle scale ed arrivava fino al secondo piano.

Molti dei voli serali partivano quasi alla stessa ora e non poteva essere data precedenza a nessuno visto che eravamo tutti nella stessa situazione: rischiavamo di perdere il volo. Per fortuna, dopo due ore di fila, la mia corsa disperata verso il gate mi ha salvato per un pelo.

Morale della favola: se avete un volo serale andate tre ore prima. A quanto pare infatti, oltre ad esserci stato un accavallamento di orari, l’aeroporto risente anche di una mancanza di personale.

copenaghen 5 giorni

Copenaghen 5 giorni

Hai altri consigli per vivere al meglio la città? Scrivimi nei commenti 🙂

Tags : danimarca

18 Comments

  • Info utilissime Elisa, ne farò tesoro! Anche noi abbiamo dovuto optare per un appartamento con cucina, per risparmiare sui pasti, e acquisteremo la card per spostarci. Se tornerò comunque al verde te lo saprò dire una volta tornata… Grazie, buona giornata!

  • Che ansia il rischio di perdere il volo…ne so qualcosa! Però al ritorno è meno “ansiogeno”!
    E la condivisione del bagno è un’esperienza che purtroppo non potrò mai provare nella vita 😛 Orso ha stilato una serie di divieti in viaggio e quello è il primo della lista.
    Copenaghen mi piacerebbe vederla un giorno, consigli segnati ^_^
    Senti quella foto spettacolare di Plaza de España è meglio che la togli perchè mi distrae ogni volta dal post. E’ ipnotica, bellissima, spettacolare da tasto destro copia e incolla! 😀
    Ciao!

    • Anche il mio ragazzo è contrario agli spazi condivisi in viaggio ma ogni volta lo riesco a convincere con i prezzi super economici. Mi sa che la prossima volta però mi da buca! Ahahhah

  • Il padrone di casa “disordinato” non ci va proprio, ma bisogna dire che la foto dalla finestra dell’appartamento è bellissima!
    I prezzi in nord Europa sono davvero spropositati: io in Norvegia ho fatto lo sbaglio di comprare un berretto di lana senza chiedere il prezzo, pagandolo più di 50 euro – ed era pure brutto!
    Grazie per aver condiviso questi consigli utili per risparmiare qualche euro!
    Buona giornata

    • L’appartamento era piccolo ma ben organizzato, ci siamo trovati bene anche perchè la cucina attrezzatissima. Per il discorso bagno stendiamo un velo pietoso ahahha Io non capisco come una persona non si accorga di lasciare un bagno condiviso così.. O.o

  • Ciao Elisabetta, ottimi consigli!
    Condividere il bagno è un’esperienza che mai farò nella mia vita. È uno di quei paletti che mi sono posta. Pensa che quando arrivo in albergo il bagno è una delle prime due cose che controllo, insieme alle lenzuola. Su questi due punti non si discute. Devono essere in ordine e puliti!
    Rischiate di perdere l’aereo? Non mi è mai capitata questa disavventura e spero che non mi succeda 🙂

  • Ciao Elisa, Copenhagen sarà probabilmente tra i miei TravelDreams del prossimo anno, perché mi piacerebbe tantissimo tornarci (ci sono stata da piccola e non mi ricordo molto). Questi consigli mi saranno sicuramente molto utili, in caso riuscissi ad esaudire questo mio desiderio!
    A presto 🙂

  • Una fila che copre due piani dell’aeroporto?! Porca miseria O.o non ho mai visto una cosa simile!

    Utilissimo questo post perché Copenhagen mi interessa, si dice sia costosa ma quando si parla del Nord Europa si dice sempre che tutto costa tanto in generale senza specificare quanto. Il biglietto della metro a 3 euro è una fucilata!

    • Sono rimasta scioccata anche io dalla fila. Non volevo crederci! Riguardo i costi, la prima cosa che ho notato sono stati proprio i prezzi degli hotel essendo abituata agli standard dell’Europa centrale (50 euro a notte).

Dimmi cosa ne pensi!